Comunicato

Inserito in data:  07/03/2008

Chi risolleva l'Università

La scuola, e in particolare l'università, è forse l'emergenza più grave e ormai cronica della situazione italiana. Un frutto, anche in questo caso, di una autonomia male intesa e soprattutto male applicata. Il ministro Gelmini ha iniziato ad affrontate questo tema partendo dal reclutamento dei docenti negli Atenei, fissando un obiettivo ambizioso ma pieno di insidie: l'adozione di criteri basati sull'assoluta scientificità. Stabilire una sorta di "lista di idonei" a cui le università possano attingere e che tracci un solco definitivo tra chi è davvero adatto a stare in cattedra da chi non lo è rappresenta il punto di partenza per introdurre quel valore per troppo tempo rimasto nel cassetto: il merito. Soltanto scegliendo i migliori ingegni e premiando le personalità che hanno fornito validi contributi alla comunità scientifica e culturale, si potrà innescare quel meccanismo virtuoso che porti, di conseguenza, a valorizzare le eccellenze anche fra gli studenti.
Il traguardo, sebbene obbligato, è molto arduo e l'ostacolo è costituito da quei gruppi di potere che imperversano in molti Atenei italiani, e che hanno portato i metodi di scelta dei docenti ad essere basati soltanto sull'appartenenza a questa o quella lobby, oltre che sulla parentela. Questa tendenza, ovviamente, si è riversata sugli studenti, che da tempo si ritrovano ad essere la parte lesa, perché più debole, di un ingranaggio clientelare.
Quello che accade è sotto gli occhi di qualsiasi matricola che comincia il proprio cammino universitario: il titolare di cattedra eternamente irreperibile, una burocrazia che intralcia fino a rallentare il percorso di studi. Per non parlare del proliferare di corsi di laurea - concepiti soltanto ad uso e consumo di professori a caccia di cattedre - che finiscono per sfornare migliaia di disoccupati che possiedono competenze senza nessun collegamento con il mercato del lavoro.
Introdurre la cultura del merito all'università comporterà l'abbattimento di tutto ciò: un muro divenuto sempre più solido nel corso dei decenni che ha finito per dequalificare l'intero percorso educativo. Ma è una sfida necessaria, che questo governo deve saper sostenere, fronteggiando l'immobilismo reazionario di certe gerarchie accademiche. La posta in palio è importante - dare ai giovani la possibilità di costruire il proprio futuro - ma tutti i rischi vanno corsi se non si vuole che il ritardo dell'Italia diventi incolmabile.

Luca Mariotti
Responsabile Nazionale delle Commissioni Parlamentari
Coordinatore Regionale Marche
Forza Italia Giovani
Foto

Cena Coordinamento Provinciale AP
News